Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina informativa sulla privacy.

Se vuoi saperne di più CLICCA QUI
Chiudendo questo banner e navigando sul nostro sito acconsenti all'uso dei cookie in accordo ai termini di questa policy.

Ok

Come verificare la presenza del cloro nell'acqua

In: Depuratori e qualità della vita Commento: 0 Visto da: 190

Esistono dei test per avere una misura quantitativa del cloro totale presente nell'acqua l punto d'uso

Il cloro presente nell'acqua ha la funzione batteriostatica di cloro-copertura, ossia impedisce lo sviluppo di carica batterica.  
La sua presenza può essere originata dall'acido ipocloroso oppure da biossido di cloro. Anche se la  sua funzione è estremamente positiva per impedire l'idrodiffusione di possibili infezioni, la sua presenza oltre che a dare odoroe e sapore all'acqua è negativa alla salute umana soprattutto per la presenza di sottoprodotti come i Trialometani o i cloriri.
Rimuoverlo al punto d'uso, quando ormai la sua funzione di protezione delle acqua nella rete distributiva dell'acquedotto è cessata, è cosa opportuna. I filtri a Carbone Attivo svolgono egregiamente questa funzione.

Esistono dei test per avere una misura quantitativa del cloro totale presente. E' utile per gli impianti di microfiltrazione per vefinicarne l'efficacia.

Utilizzo:
- prelevare 250 cc di acqua da analizzare (temperatura ideale 20 ° C)
- immergere nell'acqua ed agitare per 10 secondi la cartina
- togliere la cartina dall'acqua
- aspettare 30 secondi
- confrontare con la tabella colorimetrica (entro 15 secondi)

Tags: cloro

Commenti

Lascia il tuo Commento