Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina informativa sulla privacy.

Se vuoi saperne di più CLICCA QUI
Chiudendo questo banner e navigando sul nostro sito acconsenti all'uso dei cookie in accordo ai termini di questa policy.

Ok

Ricambi per impianti osmosi inversa domestici, la prefiltrazione

Pubblicato da: Paolo Radaelli In: Depuratori e qualità della vita Il: Commento: 0 Visto da: 77

Linee guida per la manutenzione fa dai te per i depuratori ad osmosi inversa per casa, perchè, quando, come farla risparmiando in tutta sicurezza

La manutenzione di un depuratore ad osmosi inversa è cosa importante, vediamo insieme gli aspetti principali.

I depuratori domestici ad osmosi inversa hanno una larga diffusione in tutti Italia e non solo. La necessità di avere acqua buona, leggera e sicura ha spinto molti Italiani ad installare un depuratore domestico ad osmosi inversa. Oltre al risparmio economico e alla qualità della vita, non è da sottostimare il risparmio ambientale, con le tonnellate di plastica NON prodotte.

Tutto bello e funzionale, se non chè gli impianti di filtrazione, siano essi ad osmosi inversa che micorfiltrazione necessitano di regolare manutenzione per manterene l'efficacia del trattamento. Fare la manutenzione è fondamentale.

La strada presenta il primo bivio. Mi rivolgo all'azienda che ha venduto ed installato l'impianto o scelgo di esegiorla in maniera autonoma.  Nel primo caso c'è poco da dire, se l'azienda è seria ed i prezzi sono onesti tutto va bene. Purtroppo ci si imbatte spesso in aziende che aprono vendono e poi scompaiono, abbandonando il cliente e il depuratore.  In altri casi assistiamo a vere e proprie rapine, prezzi folli per la semplice sostituzione di un filtro da qualche decina di Euro.  Questo porta il consumatore  a cercare altrove, per risparmiare o per fare la manutenzione al depuratore ad osmosi inversa.

Gli impianti ad osmosi inversa per casa sono abbastanza semplici e necessitano di regolare manutenzione in funzione di alcuni parametri.

La sostituzione dei prefiltri a sedimenti e carbone attivo

Deve essere fatta entro 12 mesi, sempre. Se la quantità di acqua erogata è elevata o se ci sono problemi di qualità dell'acqua il lasso temporale tra una manutenzione e l'altra può essere ridotto.

I prefiltri negli impianti a tazza con accumulo sono semplice cartucce da 10",

inmpianto osmosi inversa

Generalmente il primo filtro è a sedimenti, il secondo a carbone attivo ed il terzo nuovamente a sedimenti, un'ampia scelta la trovate nella sezione del nostro sito Filtri a Tazza

Svitare le tazze è semplice, consigliamo di lavarle sotto l'acqua del rubietto del lavandino e di aggiungere un po' di aceto nell'ultima tazza prima della membrana. Non utilizzare mai prodotti a base di cloro, perchè rovinano in maniera irremediabile la membrana osmostica.  L'aceto soglie il bio film ed è alimentare.

Per gli impianti osmosi inversa a  produzione diretta la sostituzione dei prefiltri è diversa, in quanto nella stragrande maggioranza dei casi utilizzano filtri in linea

Depuratore acqua - filtri in linea

Si tratta di un filtro a sedimenti ed uno a carbone attivo granulare, le dimensioni sono standard anche se le marche e la qualità possono essere diversisssime.  Sono filtri in linea da 12"  con filtroo femmina da 1/$ di pollice

Li potete trovare sul nostro sito nella sezione appostita  Filtri in LInea  la qualità dei nostri filtri è certificata e validata da anni di esperienza.

Ad ogni sostituzione ricordiamo di fare sempre una abbondante lavaggio, facendo correre acqua osmositzzata.

IMPORTANTE. I filtri vanno spurgati, ossia la prima acqua carica di polevre di carbone NON deve andare sulle membrane. Il consiglio, o meglio loperazione che fannto tutti i tecnici è di attaccare i filtri alla mandata dell'acqua, e di far passare i primi litri dentro un secchio.  Vedrete acqua nera, ma non preoccupatevi e la polevre del carbone attivo che si sciacqua.

Commenti

Lascia il tuo Commento